E’ stata lanciata una petizione online per salvare l’attuale gestione di malga Monte San Pietro, la prima in Alto Adige ad offrire esclusivamente piatti vegetariani e vegani. Nella patria dello speck, Alexander Bisan in questi anni si è affermato con la sua idea di un punto di ristoro in montagna nel pieno rispetto degli animali e della natura. Ora però la gestione della malga, messa in gara dalla frazione Monte San Pietro del Comune di Nova Ponente, passa a un altro offerente. “Utilizzando solo criteri economici – lamenta Bisan – si finisce in un circolo vizioso e si ostacola l’utilizzo di prodotti ecologici, sostenibili e solidali”. Preparava infatti le pietanze con ingredienti di provenienza non solo regionale ma addirittura dei prati e dei boschi circostanti. L’ormai quasi ex gestore ricorda con rammarico anche le altre attività, come la malga didattica per bambini e le iniziative culturali. La petizione “Rette die Petersberger Leger Alm” su Change.org in poche ore ha raccolto centinaia di firme.

Firma la petizione qui

img 20161009 082820 largejpg 1024x768 - La malga vegana di Monte San Pietro è a rischio: la petizione

insalata con polpette 768x1024 - La malga vegana di Monte San Pietro è a rischio: la petizione

kartoffel lasagne 768x1024 - La malga vegana di Monte San Pietro è a rischio: la petizione

aussicht 1024x768 - La malga vegana di Monte San Pietro è a rischio: la petizione

La traduzione sommaria della petizione:

Con la mia firma, io sono a favore di Alexander Bisan, Alto Adige dovrebbe Petersberg Leger Alm a Petersberg, comune tedesco fondato sull’agricoltura e le offerte della frazione Petersberg e la comunità, in futuro, essere effettuata in base a criteri etici, sociali e ambientali.

Il signor Alexander Bisan, deve interrompere la gestione del Petersberger Leger Alm il 24 maggio 2018, perché è stato battuto da qualcuno in un processo di offerta. In questa procedura, a tutti è consentito presentare un’offerta. Nessuno sa quale sarà l’offerta dell’altro. Ciò ha avuto luogo, anche se il Bisan vuole continuare, ha regolarmente pagato il suo contratto di locazione e, in quanto nessuna azienda in tutta la comunità, lavora secondo principi etici, ecologici e sociali.

Ci opponiamo a questo approccio non etico dell’amministrazione delle fazioni, in cui i mezzi di sussistenza sono messi all’asta a quello che offre il maggior numero di vittorie. Questa gestione porta matematicamente al fatto che il contratto di locazione continua ad aumentare. Il superamento del livello è un rischio economico che, nella maggior parte dei casi, è a scapito del regionalismo, della correttezza, dell’etica e dell’ambiente.

Noi chiediamo

Standard di gara che promuovano l’equità, l’etica, la sostenibilità ambientale e gli aspetti sociali della comunità del villaggio.

Contratti di locazione che consentano una pianificazione a medio-lungo termine

Una gara che impedisca speculazioni di qualsiasi tipo

Con questa petizione chiediamo alla gestione del gruppo parlamentare di E.B.N.R. Petersberg, ai politici e alla comunità, che il signor Alexander Bisan, il Petersberger Leger Alm, continui ad operare e a lavorare in modo più equo, il che esclude un’asta iniqua di mezzi di sostentamento.

“Con il costante outbidding, viene assunto un rischio economico che nella maggior parte dei casi porta ad economizzare a costo di regionalità, equità, etica e ambiente.

Se per alcuni il termine etica e imparzialità sono ancora lontani, al più tardi le campane dovrebbero suonare, se vedono sui propri beneficiari Hausalmen, carne, latticini e tutto da tutto il mondo, solo non dall’Alto Adige. E quando si parla di ambiente, allora il detersivo tossico a buon mercato su un alpe va dove? Chi non lo sa, nella terra. Allo stesso tempo, tutto deve essere fatto per vendere il più possibile “Schmee” e porta al sovraccarico della zona e quindi delle piante e del mondo animale nell’ambiente, dagli umani, dalla plastica, dai Tempos, dalla spazzatura in generale ecc.

La clausola: i piatti locali come carne ecc. Devono essere venduti. Motivo: le persone del villaggio vogliono mangiare carne al pascolo. Sì, cosa si dovrebbe scrivere su questo. Lo vediamo posto nella forma, altamente discriminante, irrispettoso ed esprimendo la mancanza di apprezzamento per le persone che lottano per una legittima libertà di agire in modo diverso rispetto alla maggioranza. Allo stesso tempo, il modello funziona ancora e supporta la regionalità. Sembrerebbe molto diverso se il bando di gara contenesse criteri per le economie regionali in cui la carne, il latte, è un modo per rafforzare i piccoli proprietari nel paese al fine di proteggerli dall’estinzione.

Questa decisione è quindi la più ingiusta di tutte le decisioni possibili perché, in un contesto di amministrazione pubblica, né la continuità, né gli interessi della collettività, né la componente sociale sono presi in considerazione, poiché il sostentamento di un cittadino non è niente per me e non gli aspetti ecologici e aspetti economici (regionalità). Correttezza nei confronti delle persone che lavorano in paesi di povertà per i nostri tempi consumistici e animali esclusi. “La recensione del cliente è stata tradotta automaticamente dal tedesco.

Cosa è stato raggiunto finora da Alexander e dai suoi sostenitori sul pascolo:

L’Alm ha acquisito notorietà attraverso innumerevoli interviste, studi UNI, articoli e documentari cinematografici in tutta Europa e ha continuato a vivere con la sua decisione di perseguire una fattoria più sostenibile su un alpeggio.

L’unica azienda nel comune e probabilmente uno dei pochi stabilimenti in Alto Adige che ha creato un record di interesse pubblico e agisce di conseguenza. Questo equilibrio riguarda regionalità, prodotti critici, ambiente, problemi sociali, ecc.

È considerata un’impresa innovativa ed esemplare.

Con un massimo di 800 studenti all’anno che lavorano su questioni sociali e questioni ambientali.

L’unico ospite che lavora a maglia la vendita a terzi imballati con prodotti di plastica evita, in quanto questi vengono poi trovati lungo il bordo della strada e nei pascoli e raramente sono FAIR.

Una fattoria che supporta prodotti locali (vedi latte, formaggio, verdure, ecc.)

Una delle poche osterie del paese e l’unica della comunità che utilizza il cioccolato FAIRE per i suoi prodotti.

Uno dei pochi caffè FAIREN in vendita.

Uno dei pochi prodotti delle grandi aziende si allontana.

È apprezzato nell’associazione turistica, in quanto si rivolge a un ospite alternativo, che sta diventando sempre più importante.

La TV è usata come prestanome come qualcosa di speciale nella zona.

Chi ha sempre pagato e ha addirittura aggiornato il posto con i propri fondi (circa 50.000 €). Pannelli solari inclusi per ridurre al minimo i combustibili fossili.

Il pastore prestò servizio diligentemente.

Più volte per una cooperazione costruttiva, nonostante le opinioni reciproche forse in alcuni aspetti economici politici.

Insiste sul fatto che il paesaggio e la fauna selvatica del Petersberger Leger Alm siano preservati.

Anche in un anno più eventi culturali sulla sostenibilità ambientale e piani di giustizia sociale e svolge, come probabilmente la comunità negli ultimi 10 anni.

Probabilmente l’unica azienda ospitante in tutto il paese che serve solo piatti vegetariani vegani e dimostra che è possibile un business etico di successo e dovrebbe essere promosso solo per questo motivo.

Leave a Reply