Gonne e giacche fatte con linguette di alluminio e linguette di sughero erano tra i capi di abbigliamento adatti agli animali in mostra alla seconda Vegan Fashion Week che si è tenuta dal 10 al 15 ottobre nel centro di Los Angeles. (Il primo si è svolto a marzo, anche in DTLA.)

Emmanuelle Rienda, l’organizzatore dell’evento, ha riconosciuto che “vegan” potrebbe non evocare immagini di lusso, data l’ubiquità della pelliccia e della pelle di alta moda. Ma lei lo rifiuta con il tema di questa stagione, “La moda è attivismo”, che promuove la moda accattivante che è anche libera da crudeltà e sostenibile.

“La mia missione non è solo quella di migliorare la vita degli animali, ma anche di sensibilizzare e educare le persone”, ha detto Rienda nel backstage prima di una presentazione in passerella del 15 ottobre al California Market Center, “in modo che possano fare scelte sane scegliendo quello che indossano “.

La settimana della moda vegana ha celebrato la moda senza animali con eventi tra cui una fiera di due giorni con presentazioni in passerella, visite allo showroom, una sala vegan, uno scambio di abbigliamento vegano e una conferenza sul “Futuro della moda” con designer, scienziati e politici che discutono del settore e alternative emergenti ai prodotti di origine animale.

La designer Ran Enda e l'attrice Mena Suvari
La designer Ran Enda, a sinistra, con l’attrice Mena Suvari ai Vegan Fashion Awards il 10 ottobre.
(Loli Laboureau)

La settimana è iniziata con uno spettacolo di premi che ha lodato il lavoro delle icone vegane non solo limitato alla moda. Le onorificenze in nove categorie includevano la fotografa Parker Day, la stilista di celebrità Tara Swennen e la cantautrice Kate Nash, tra gli altri, con i premi assegnati da celebrità (e noti vegani) tra cui l’attrice Mena Suvari e la musicista Moby.

Una moltitudine di marchi di stilisti ha camminato sulla passerella dell’attico del California Market Center lunedì. Il marchio di abbigliamento con sede a New York Enda ha aperto il primo dei due spettacoli in passerella, a cui è seguita una mostra collettiva con disegni di Wasted LA, Nicoline Hansen e Mayd a Chyna, tra gli altri.

Il designer finlandese Minttu Melasalmi ha debuttato in una collezione primavera-estate 2020 – soprannominata Never-Leather Land – che utilizzava un tessuto derivato dal sughero come alternativa alla pelle in pezzi di tendenza su misura.

“Come designer e amanti dell’alta moda è quasi naturale per noi voler lavorare con tessuti meravigliosi come la seta e la pelliccia”, ha dichiarato la designer danese Nicoline Hansen nel backstage prima dello spettacolo. “Ma sapere che questa non è un’opzione ti spinge a essere più creativo con i tuoi progetti.”

Enda è della Vegan Fashion Week
Look della collezione del Giardino Botanico del designer Ran Enda in passerella il 14 ottobre, durante la Vegan Fashion Week.
(l’Hendrys)

Molti dei designer che partecipano alla serie di eventi di Rienda credono che il futuro della moda sia vegano. Ran Enda, il fondatore di Enda, crede che il veganismo non sia una dieta ma uno stile di vita, e produrre articoli privi di crudeltà offre ai vegani un modo fattibile per mantenerlo. La sua visione si traduce in classici abiti slip e capi avvolti simili a toga degni di una dea in cotone e tinta con ingredienti a base vegetale come buccia di cipolla, cavolo rosso e curcuma.

Enda ha affermato di aver fondato il suo marchio dopo sette anni di duro lavoro con la pelle e la pelliccia, mentre in Ralph Lauren “Ho scoperto che il mio lavoro non si adattava al mio stile di vita”, ha affermato Enda. “Mi ha infastidito.”

Basato sulle creazioni Enda, Melasalmi e altri, ha inviato il messaggio che i consumatori non devono scendere a compromessi tra stile e sostenibilità.

Leave a Reply